Ultimo Aggiornamento:
23 marzo 2019
Iscriviti al nostro Feed RSS

Argomenti

Perché è successo qui

Luca Tentoni - 10.11.2018

Su Mentepolitica ci occupiamo spesso del voto del 4 marzo scorso e del "caso italiano", inserito in un contesto internazionale che vede la crescita e lo sviluppo dei partiti antiestablishment. Ci siamo avvalsi - e lo faremo in futuro - di studi politologici e di saggi scritti da accademici. Questa volta scegliamo un altro punto d'osservazione, quello di Maurizio Molinari, direttore della "Stampa" e per quindici anni corrispondente dai principali paesi occidentali. Il suo viaggio all'origine del populismo italiano ("Perché è successo qui", La Nave di Teseo) potrebbe essere un vademecum per un pubblico di lettori stranieri, perché spiega alcuni aspetti del nostro Paese in modo comprensibile anche per chi non ha vissuto direttamente l'evoluzione politica, economica e sociale italiana, ma è utile anche e soprattutto per noi, per lo stile asciutto e la concretezza delle affermazioni che l'autore fa, supportate da dati e fatti. I suoi sono dodici "percorsi nell'identità nazionale" per cogliere gli aspetti meno conosciuti e più sorprendenti del paese in cui viviamo. A questi si aggiunge l'analisi di come i partiti populisti hanno utilizzato "cinque tabù della politica italiana: il timore dell'Islam, la competizione economica con i migranti, la paura di perdere l'identità nazionale, l'insofferenza per l'Europa come insieme di regole leggi tutto

Qualche appunto su giustizia e sicurezza

Francesco Provinciali * - 10.11.2018

Sembra che i reati e la criminalità siano fenomeni in calo, statisticamente parlando.

Ma la paura della gente, l’insicurezza e la delinquenza percepite seguono una tendenza opposta.

Il degrado delle periferie urbane, l’immigrazione, la povertà crescente – quella palese e quella occulta – la disoccupazione giovanile, l’uso distorto e malandrino delle tecnologie stanno sullo sfondo di derive sociali nuove e non sempre rassicuranti.

Se cresce il numero dei fascicoli aperti per ipotesi di reato significa che c’è un riscontro anche nei luoghi di gestione istituzionale di questa fenomenologia sociale.

Crisi dei valori tradizionali, crisi della famiglia, crisi della scuola e poi obsolescenza dei corpi intermedi della società e delle istituzioni, un tempo luoghi di proposta e di controllo, filtri del disagio sociale.

“Vogliamo verità e giustizia”: un refrain che ascoltiamo a margine di ogni fatto di cronaca nera, purtroppo espresso più in termini risarcitori postumi che preventivi e ordinamentali.

Salvo poi che l’indignazione si esaurisca in una simbolica ma innocua fiaccolata o nei palloncini elevati al cielo, in attesa della prossima efferata notizia.

Occorre domandarsi se la politica sia stata in grado finora di pensare e costruire – con le leggi, con il buon esempio, con un welfare capace di arginare le sacche

  leggi tutto

Quando il gioco diventa duro…

Paolo Pombeni - 07.11.2018

La battuta “quando il gioco diventa duro, i duri iniziano a giocare” è una citazione abusata. Tuttavia è quel che viene in mente ad osservare come si sta evolvendo la situazione italiana, dove il gioco sta diventando più che duro. Peccato che in questo caso di duri che cominciano a giocare non se ne vedano in giro. Al più un po’ di bulletti che giocano a fare i duri.

La contingenza attuale è difficile. Il paese è stato vittima di una catastrofe naturale di proporzioni più che notevoli: sono danni ingenti che richiederanno interventi finanziari sostanziosi, ma soprattutto, se non si vuole per l’ennesima volta lasciar cadere tutto nel dimenticatoio, interventi di riordino strutturale del nostro sistema di prevenzione. E già questo è un problemino spinoso, che spacca in due il paese, perché al Nord si tratta di sistematizzare una situazione, al Sud di capovolgere una mentalità che trova radici e compiacenze nella pubblica amministrazione locale. Una faccenda non facile da affrontare per una coalizione governativa dove convivono nordisti e sudisti, tanto per cavarcela con una battuta.

Inoltre il nostro paese si trova al centro di una vicenda internazionale che temiamo si stia sottovalutando. In un contesto in cui si stanno ridisegnando molti scenari, leggi tutto

Il futuro politico di Matteo Renzi

Francesco Provinciali * - 07.11.2018

La notizia che Matteo Renzi si sia proposto come conferenziere per l’agenzia Celebrity Speakers Associates, ma disponibile ad altre proposte, su temi planetari e di attualità come l’ambiente, il futuro dell’Europa, la globalizzazione, l’informazione giornalistica e le fake news, la gestione delle organizzazioni complesse ecc. come riportato recentemente da Huffington Post, potrebbe essere letta come una scelta tattica transitoria che non incide sulla strategia di fondo: la politica come vocazione e come professione, il vero e autentico ‘beruf’ come direbbe Max Weber. Si è appena conclusa la nona edizione della Leopolda ma non pare sia scaturito un piano organico di proposta politica e di alternativa per la guida del Paese, sembra che abbiano prevalso gli aspetti coreografici e celebrativi sulle idee e sui contenuti: “enclave” e nicchie di fedelissimi autoreferenziali che parlano a se stessi e non al Paese, “comitati civici”, tavoli di riflessione ed elaborazione del nulla, accademiche dissertazioni, mentre si restringe la cerchia delle adesioni e diventa esoterico – cioè per pochi intorno al “capo”- il progetto di realizzare un modello politico nuovo e alternativo.

Problema di linguaggio- l’obsolescenza del famoso modello narrativo – e di contenuti – cosa inventare di nuovo dopo gli esiti incerti del jobs act, la criticatissima riforma della scuola, leggi tutto

Le democrazie e la crisi economica (2)

Luca Tentoni - 03.11.2018

L'onda lunga della grande recessione che ha colpito l'Europa nel 2007-2008 ha dispiegato i suoi effetti per quasi un decennio, soprattutto nei paesi del Sud Europa. Tuttavia, ancora oggi, vistosi cambiamenti politici, talvolta vere e proprie pesanti "ristrutturazioni" dei rapporti di forza fra i partiti (con l'affermazione di soggetti politici nuovi o percepiti come tali) continuano a manifestarsi in molti degli appuntamenti elettorali principali (persino dove, - per esempio in Germania - la crisi non è stata così profonda come altrove, ma dove la Cdu-Csu e la Spd perdono costantemente consensi, come si è visto anche recentemente in Assia e in Baviera). Non tutti i paesi mediterranei hanno vissuto allo stesso modo questo decennio. Il caso italiano è diverso da quello spagnolo, così come da quello greco e da quello portoghese (quest'ultimo, caratterizzato da una sfiducia astensionista più che dall'emergere di nuovi soggetti politici forti): di queste dinamiche si occupa il recentissimo volume di Leonardo Morlino e Francesco Raniolo "Come la crisi economica cambia la democrazia" (Il Mulino). Secondo gli autori, "gli elettori di due paesi - Portogallo e Grecia - che sono stati colpiti più duramente dalla crisi, reagiscono in modi diversi che sono, però, del tutto coerenti con le loro tradizioni di voto. Il Portogallo mostra leggi tutto

A sinistra una strana voglia di listoni

Paolo Pombeni - 31.10.2018

Scorrono i classici fiumi di inchiostro sulla crisi delle sinistre in Europa e l’Italia non può certo presentarsi come una eccezione. In Germania si parla, da qualche tempo, di una crisi dei Volksparteien, cioè dei partiti “di popolo”: la traduzione in “partiti di massa” è a nostro avviso imprecisa, perché invece si tratta proprio della crisi di poter avere dei partiti che rappresentano “tutti”. Si può magari pensare che ciò sia strano mentre imperano populismi che tendono a presentare come “del popolo” qualsiasi loro scelta, dai bilanci pubblici alla lotta contro le grandi infrastrutture.

In realtà la cosa è più complicata, e vale la pena di cercar di capirla. I partiti “popolari” non erano nella loro struttura populisti, ma, per usare un vecchio linguaggio, interclassisti. Supponevano cioè di essere capaci di rappresentare le diverse componenti da cui era formato il popolo, armonizzandole e portando a sintesi le rispettive esigenze. Il politologo tedesco, a lungo emigrato in America, Otto Kirchheimer inventò a metà anni Cinquanta la formula del “catch all party”, il “partito pigliatutto”: guarda caso lo fece contrapponendo la CDU che era interclassista alla SPD che in quella fase voleva ancora essere un partito operaio. Ma ben presto anche la SPD, sotto leggi tutto

L’era Merkel al tramonto

Gabriele D'Ottavio - 31.10.2018

L’era Merkel finisce così com’è iniziata: dopo un’elezione regionale. Per chi ha buona memoria, la sua ascesa al potere cominciò con una bruciante sconfitta elettorale subita dai socialdemocratici nel maggio 2005 in Nordreno-Westfalia, uno dei Länder più popolosi e ricchi della Germania. All’epoca, la SPD governava il Land da 39 anni e il suo leader nazionale, il cancelliere in carica Gerhard Schröder, decise di ricorrere al voto anticipato. Il pareggio strappato ai cristiano-democratici alle elezioni politiche del settembre successivo e la partecipazione al primo governo di grande coalizione guidato da Angela Merkel si sarebbero dimostrati di lì a poco una vittoria di Pirro. I socialdemocratici non riuscirono ad arrestare l’emorragia di consensi, mentre la cancelliera riuscì in poco tempo a consolidare la sua leadership, gettando le basi per diventare uno dei capi del governo più longevi nella storia della Germania del dopoguerra. 

Tredici anni dopo, le elezioni regionali in Baviera e in Assia sembrano delineare una nuova cesura storica. Il risultato parla chiaro: gli elettori hanno sanzionato duramente i cristiano-sociali della CSU in Baviera, i cristiano-democratici della CDU in Assia e i socialdemocratici della SPD in entrambe le regioni, mandando un messaggio difficilmente equivocabile a Berlino. Secondo un sondaggio dell’emittente leggi tutto

Incongruenze

Stefano Zan * - 31.10.2018

L’analisi che legge l’attuale situazione politica sostanzialmente come voto di protesta nei confronti del PD sconta alcune incongruenze logiche che rischiano di rendere meno puntuale ed efficace l’autocritica che si è aperta in vista del congresso.

La prima incongruenza è quella che sembra ravvisare nel voto una sorta di razionalità politica del popolo che scientemente ha attribuito a Lega e 5 Stelle il governo del Paese in netta contrapposizione col PD. Attribuire ex post una razionalità politica al voto è esercizio frequente ma sostanzialmente infondato. I cittadini hanno votato per i partiti e non per il governo e, se si fosse fatta l’alleanza 5 Stelle PD, cosa non impossibile, oggi ragioneremmo in tutt’altri termini. L’aritmetica parlamentare ha portato a questo governo al quale oggi attribuiamo una razionalità che non aveva al momento delle elezioni.

La seconda incongruenza deriva dall’ipotizzare che il voto dell’elettore sia il risultato di una scelta razionale laddove l’elettore conosce tutte le alternative, le rispettive conseguenze e si limita a sceglier sulla base della sua funzione di utilità. Anche questa è un’ipotesi che non sta in piedi soprattutto per un elettorato scarsamente interessato alla politica per larga parte del tempo, poco informato, caratterizzato da un forte analfabetismo funzionale. leggi tutto

Le democrazie e la crisi economica (1)

Luca Tentoni - 27.10.2018

Dopo aver approfondito, negli interventi dedicati al voto del 4 marzo in Italia, gli aspetti relativi alla formazione e alla distribuzione del consenso nel nostro Paese, passiamo ad occuparci di un orizzonte più vasto: le democrazie dell'Europa del Sud. In Spagna, Grecia, Portogallo e Italia la crisi economica del 2008 e il decennio convulso che l'ha accompagnata e seguita hanno prodotto trasformazioni sia nel sistema dei partiti, sia nel rapporto fra cittadini e istituzioni, sia sulla partecipazione politica. In questo breve, nuovo viaggio, articolato in due puntate, la nostra analisi sarà agevolata dalla lettura di due volumi appena usciti per il Mulino: "Le quattro crisi della Spagna" di Anna Bosco; "Come la crisi economica cambia la democrazia" di Leonardo Morlino e Francesco Raniolo. Per comprendere meglio il voto italiano del 4 marzo 2018 non si può prescindere dal contesto europeo. In questo caso, partiamo dalla Spagna, nella quale - fra settembre del 2015 e dicembre del 2017 - si sono svolte quattro consultazioni cruciali: le elezioni regionali in Catalogna (27 settembre 2015) vinte dai partiti indipendentisti che - come spiega Anna Bosco, "aprono una legislatura di pre-indipendenza che si conclude con la convocazione di un referendum sulla secessione dalla Spagna (1° ottobre 2017) e una dichiarazione unilaterale di indipendenza (27 ottobre)" alla quale il leggi tutto

Un nuovo paradigma

Stefano Zan * - 27.10.2018

La prima sensazione che molti provano di fronte alla nuova maggioranza di governo è di incredulità: come è possibile che questi signori abbiano vinto le elezioni, abbiano formato un governo improbabile e continuino ad aumentare il loro consenso? Non è così che si fa politica! Un vero e proprio scandalo cognitivo prima ancora che di merito di fronte al quale si resta disorientati, come di fronte a tutti gli scandali, perché saltano i tradizionali e confortevoli nessi causa-effetto. Le elezioni si possono vincere o perdere ma non in questo modo.

Si prova la stessa sensazione dello Stato Maggiore francese che dopo aver investito tutto nella costruzione della linea Maginot in poche ore si è trovato circondato dai tedeschi passati con i carri armati dalle Ardenne: non è così che si fa la guerra, hanno detto i francesi. Eppure gli altri hanno vinto.

Con le elezioni del 4 marzo forse è successo qualcosa di veramente nuovo che fatichiamo a capire.

I canoni classici del voto di protesta che regolarmente punisce chi sta al governo non tengono più di tanto così come non tengono, le autocritiche degli sconfitti che continuano a chiedersi dove hanno perso e in cosa hanno sbagliato, mantenendo però le tradizionali chiavi di lettura. leggi tutto