Ultimo Aggiornamento:
20 novembre 2019
Iscriviti al nostro Feed RSS

Cari Lettori, riprendiamo regolarmente le nostre pubblicazioni, come al solito ogni mercoledì e sabato

ULTIMO NUMERO: Anno 6 uscita 87 del 20.11.2019

Il PD va a sinistra?

Sembra che il risultato della kermesse di Bologna sia stato uno spostamento a sinistra dell’asse identitario del PD. In verità l’impressione è che si tratti più di slogan che di riflessioni, anche se ci sono stati tre giorni di dibattiti e di tavoli di lavoro, di cui però sulla stampa e più in generale sui media è arrivato molto poco, al massimo qualche citazione degli interventi dei big o presunti tali. Perciò si parla di una accentuazione della collocazione a sinistra, perché così suonano gli slogan, specie alcuni, e perché così sostengono i giornali. Cosa poi voglia dire si vedrà.

Chi studia storia non può fare a meno di rilevare che lo spostarsi dei partiti di sinistra più a sinistra quando sono in difficoltà è una specie di riflesso di Pavlov. Basterebbe rileggersi la storia del Labour Party in Gran Bretagna per rendersene conto, ma anche per constatare che così facendo quel partito non ristabiliva le proprie sorti. Anzi ritornava al potere quando c’erano personaggi come Wilson o Blair che lo riportavano verso posizioni centriste. L’attuale esperienza di Corbyn è per esempio emblematica: almeno a stare ai sondaggi nonostante abbia di fronte un avversario assai poco attraente come Boris Johnson è circa 14 punti dietro il leggi tutto

E ti tirano le pietre

Stefano Zan *

Sei Di Maio e ti tirano le pietre. Vai con la Lega e ti tirano le pietre. Vai col PD e ti tirano le pietre. Vai da solo e ti tirano le pietre. Vai con la lista civica e ti tirano le pietre. Non ti presenti e ti tirano le pietre. Qualunque cosa fai, ovunque te ne vai soltanto pietre in faccia prenderai. Sarà così fin che…. (Antoine). Fin che … non si sa e non è per niente chiaro.

Bisogna riconoscere che la situazione in cui si trova Di Maio e il suo movimento in questa fase non è particolarmente felice e nemmeno facile da gestire. Avendole provate tutte il risultato non cambia. Di Maio ad oggi non ha riconosciuto nessuna sua responsabilità personale nel tracollo che ha caratterizzato e caratterizza oggi il Movimento e forse non ha nemmeno tutti i torti visto che non esiste un’alternativa credibile alla sua leadership e comunque non esistono meccanismi democratici di confronto e di selezione di una nuova eventuale leadership. Il problema vero è un problema di linea politica e di collocazione strategica nell’attuale arena politica. Su due cose però Di Maio certamente sbaglia.

La prima è la pretesa di essere l’ago della bilancia dell’attuale governo. leggi tutto

Verso un'evoluzione della tensione tra Ucraina e Russia?

Francesco Cannatà *

Il prossimo 8 dicembre a Parigi, per la prima volta da tre anni, si svolgerà il nuovo tentativo di risolvere il conflitto nell’oriente ucraino. L’incontro, ripetendo la formula detta del gruppo Normandia, vedrà la presenza dei presidenti francese, russo, ucraino e la cancelliera tedesca. La guerra nel Donbass dura ormai da sei anni e ha causato circa 13mila vittime. Gli accordi di Minsk del febbraio 2015, Minsk II, hanno dato vita a una tregua relativa ma nessuno dei gravi problemi umanitari ed economici presenti lungo la cosiddetta linea di contatto è stato risolto. Poiché nessuna delle parti in lotta ha realmente applicato i punti dell’intesa l’armistizio non si è mai trasformato in vera pace. Con gli sforzi compiuti per sottoscrivere Minsk II, il quartetto Normandia sembra aver esaurito le proprie energie politiche. Dopo le sanzioni del 2015, Francia e Germania, Berlino più di Parigi, non sono più in grado di gestire la leadership del quartetto. A sua volta Washington ritiene il conflitto una questione fondamentalmente europea e intende restarne fuori.
Le lacune presenti dentro Minsk II, leggi tutto